Amsterdam Closed… fine 2012

Amsterdam FlagAmsterdam come tutti sanno è il paradiso della libertà, delle droghe e dell’erotismo, erano anni che circolava la notizia che questo paradiso avrebbe chiuso i battenti prima o poi e purtroppo in questi giorni la notizia è arrivata e sta facendo davvero scalpore.
Amsterdam chiuderà i battenti ai turisti verso la fine del 2012, questo non vuol dire che non si potrà più visitare la città, ma sarà illegale vendere droghe ai turisti evitando cosi il turismo dei “fattoni” concentrandolo prettamente alla sola visita della città e dei monumenti. Questa mossa è stata  attuata dal nuovo governo di destra eletto dal popolo olandese, ma molti altri paesi europei come Belgio e Germania hanno inciso fortemente su questa decisione.

In sostanza i CoffeShop ( venditori di Marijuana e Hashish ) dovranno divenire “Circoli Privati” tesserando ogni suo socio che dovrà avere residenza ad Amsterdam, quindi qualunque turista in vacanza che volesse comprare all’interno di questi “paradisi” non potrà accedervi, escludendo quindi il turismo delle sole persone che viaggiano ad Amsterdam prettamente per fumare.
Questa notizia sta facendo il giro del mondo e non poche persone sono contro questa forma di proibizionismo, perfino agli olandesi non va a genio questa nuova legge perchè per alcuni versi le restrizioni vengono adottate anche nei loro confronti, infatti ogni persona residente ad Amsterdam si potrà iscrivere solamente ad un CoffeShop limitando cosi l’acquisto di sostanze stupefacenti anche per gli olandesi. I proprietari dei vari CoffeShop sono molto amareggiati da questa notizia, visto la grande mole di turisti che entrano ad ogni secondo nei loro locali per comprare Hashish o Marijuana, questo metterà in ginocchio i loro bilanci causando anche la probabile chiusura degli stessi.

photo_bushdoctorSinceramente io sono ritornato da poco da Asmterdam e vi posso dire che è tutto vero, ho raccolto informazioni varie ad ogni CoffeShop che visitavo, confermandomi questa dura notizia. Parlando con persone italiane che abitano ad Amsterdam e lavorano all’interno dei CoffeShop sono riuscito a capire che questa legge non va proprio a genio neanche a loro anzi per loro questa sarà la fine,  visto che solo il turista compra massicce dosi di sostanze facendo diminuire drasticamente i loro introiti giornalieri. Ho notato infatti che un paio di CoffeShop come il “Paradise” e “Rasta BABY” sono già stati chiusi, addirittura il Paradise è diventato un bel BAR con poca gente all’interno.
Parlando sempre con gente interna ai CoffeShop ho saputo che la Spagna sta legalizzando questo tipo di vendita, infatti già nella Catalogna sono nati i primi CoffeShop spagnoli anche per turisti, dando una grande frecciata all’Olanda che invece proprio in questi mesi sta chiudendo i battenti.

photo_dampkringIl mio parere su questo proibizionismo, è che non so quanto si possa beneficiare da questa mossa politica, visto che Amsterdam per il 70% rimane in piedi grazie a questo businness, mettendo in crisi i coltivatori e le persone che guadagnano attorno a questi affari come proprietari dei CoffeShop. Secondo me cosi facendo non si fa altro che incentivare lo spaccio in giro per la città e di conseguenza la microcriminalità che si formerà attorno a questo mondo. Vogliamo parlare del giro d’affari a cui stanno rinunciando? pensiamo solo alla tassa cittadina di ogni albergo, i ristoranti, il casino i vari negozi di Souvenir e tutte le principali attività legate al mondo del turismo, come pretendono di ricevere lo stesso numero di turisti e di conseguenza di introiti effettuando questa restrizione? Naturalmente pure le casse dello stato riceveranno un brutto colpo dopo il 2012, per adesso non c’è problema visto la mole di gente che c’era quando ero in vacanza la settimana scorsa, anzi c’è chi pensa che questa sia solo una mossa politica per aumentare il turismo in questi anni eliminando la legge prima del grande giorno facendo ritornare Amsterdam agli albori.
Insomma non vi rimane altro che organizzare con i vostri amici la vostra vacanza per fumare l’ultima canna ad Amsterdam, naturalmente prima della fine del 2012.

Potrebbero interessarti anche...

12 risposte

  1. Giulia ha detto:

    Ho notato due gravi errori
    “ma molti altri paesi europei come Belgio e Germania anno inciso fortemente su questa decisione.”
    …hanno 😛

    “Vogliamo parlare del giro d’affari a qui stanno rinunciando?”
    …cui 😛

    Scusa, non voglio essere precisina, ci tengo solo alla grammatica. 🙂
    Per il resto… Amsterdam non sarebbe più Amsterdam privandosi di questo “mercato”… bo, non c’avevo mai pensato.
    Mi sa che davvero mi tocca organizzare una vacanzina lì!!!

  2. SyGy88 ha detto:

    @Giulia: Oddio questa è colpa della tarda ora in cui scrivo gli articolo e sempre dopo un giornata di lavoro! Scusatemi ma certe volte neanche rileggo con molta calma gli articoli per colpa del poco tempo! Comunque grazie del suggerimento e correggo subito.

    Per ritornare all’argomento Amsterdam, beh dovresti organizzarla visto che questo fatto mi è stato confermato da più persone italiane che vivono li. Naturalmente stanno levando una caratteristica molto importante per quella città, e sopratutto tanto ma tanto turismo…. avranno fatto bene? ne dubito.

  3. Gianluca ha detto:

    Sono anni che va avanti questa tiritera del proibizionismo voluto da un piccolo partito xenofobo all’interno della maggioranza governativa dei Paesi Bassi,governo che si trova alla canna del gas che di conseguenza le spara grosse per avere consensi dal popolo. Gli olandesi non sono stupidi e loro lo sanno che la maggior parte del benessere deriva dall’indotto che genera la legalizzazione o meglio la tolleranza, basti pensare ai voli low cost, strutture ricettive e locali di ristorazione che incassano euroni a palate proprio grazie al turismo mordi e fuggi tenendo sempre presente che per esempio ad Amsterdam si paga la comunal tax quindi ulteriori introiti per le casse comunali.
    Da questa storia si evince che sono tutti contrari tranne la coalizione di maggioranza, purtroppo a sfavore c’è da dire che l’UE ha dato ragione al governo e quindi non so come finirà questa storia, fatto sta che ormai da diversi anni che provano questa strada riscuotendo enormi insuccessi…….staremo a vedere.
    Fonte: Opinione personale

  4. SyGy88 ha detto:

    @Gianluca: Hai ragione sull’indotto che genera la legalizzazione…
    staremo a veder davvero, però per la mia opinione personale penso che alla fine non si faccia nulla. Ci sono troppi introiti di mezzo.

  5. sara ha detto:

    Io ho sentito dire che vogliono chiudere tutto per i turisti entro il 2011, spero di aver capito male, sapete dirmi qualcosa?

  6. Amsterdam ha detto:

    bel blog complimenti all’autore

  7. cecche ha detto:

    Tanto per cambiare, un passo avanti e quattro undietro come i gamberi, i soliti ipocriti-corretti!!!! Si fa’ la guerra ad una pianta mentre il mondo affonda!!!

  8. Nice blog. I have enjoyed the readings. keep it up.

  9. dio ha detto:

    E fu cosi che iniziò lo spaccio di droghe per le strade di amsterdam

  10. andrews154 ha detto:

    secondo me fanno la piu grande cazzata della loro storia i coffee esistono da decenni ed e’ solo esclusivamente grazie alle (donne di facili costumi e i coffee shop che amsterdam ha tutto questo turismo io viaggio in olanda ogni 6 mesi per lavoro secondo me incentiveranno direttamente coloro ke abitano li a vendere facendo riprendere piede alla delinquenza chiunque sia stato li puo’ tranquillamente dire che l’olanda e un paese molto piu civile del nostro nonostante droghe e puttane meditate italiani

  11. alexandro ha detto:

    ciao scs ma io k il 6 parto x la germania avevo pensato di andare cn my frate un giorno ad amsterdam verso il 9 o il 10 x festeggiare i my 18 anni…..qll k mi confonde e che molti dicono k gia dal 2011 saranno chiusi e sn preoccupato x questo xk avevo molta vglia di visitare i coffeshop dite k sn in tempo x farlo???

  12. Olgaz ha detto:

    Non ho capito se al giorno d’oggi (06/03/2012) questi benedetti coffe shop gli hanno chiusi? Ne se li chiuderanno per la fine dell’anno in corso insomma come è andata a finire sta storia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.